sabato 24 ottobre 2009

Gehard Demetz











Definirei "incredibile" il lavoro svolto da questo scultore altoatesino (vive e lavora a Selva Val Gardena) ed il suo rapporto con la materia prima, il legno di tiglio.
Piccoli blocchi di legno "non finiti" creano fanciulli dalle espressioni corrucciate, imbronciate, spesso nell'atto di mostrare oggetti pericolosi e inadatti alla loro giovane età.
Inquietanti adolescenti dall'aspetto iperrealistico, come le due sculture che ritraggono Adolf Hitler e Mao Zedong bambini.
Da seguire le personali.

Nessun commento: