giovedì 10 aprile 2014

Il Maestro.

T. Ferroni - Ritratto di Guelfo Bianchini, 1980

Io ho avuto un Maestro.
A dire il vero di maestri  ne ho avuti più di uno ma questo era speciale e da anni non c'è più.
Si chiamava Guelfo Bianchini ed era  l'insegnante di Ornato del mio liceo, il Liceo Artistico di via Ripetta.
Negli anni Ottanta era veramente un liceo speciale, diverso dagli altri, lo spauracchio di tutti i genitori.
Un unico istituto collegato all'Accademia di Belle Arti e caratterizzato da un continuo viavai di professori e studenti di ogni età che si incontravano durante le pause nella terrazza comunicante.
Una vera fucina di talenti, professori bravissimi e artisti.
E droga, come ovunque del resto.
Lui era un professore particolare, sempre calmo e sorridente.
Sereno e ironico.
Durante le sue ore di lezione ci portava quasi sempre fuori a disegnare, all'Ara Pacis, a Piazza Navona, al Pantheon.
Offriva granite e caffè a tutti.
Durante il secondo anno, quando avevo 15 anni, ci portò a casa sua, nel suo atelier di Fabriano per un weekend.
Eravamo in cinque, solo ragazze, le uniche che avevano avuto il permesso dai genitori.
Strano ma vero.
E fu fantastico.
Una palazzina antica, piena di fascino.
Ricordo l'enorme cucina, la camera da letto con le pareti rosso pompeiano dove tutte quante noi dormimmo in un unico letto matrimoniale.
Fotografie artistiche di donne nude che ci fecero ridere tutta la notte.
Libri ovunque.
Ed il suo fantastico studio.
Ci vece visitare le cartiere di Fabriano e studiare la realizzazione dei vari tipi di carta.
La seconda sera ci portò a teatro a vedere "Il Lago dei cigni" dal palchetto privato di famiglia.
Io studiavo danza ma era la prima volta che andavo al teatro, i miei genitori non mi avevano mai portato (motivo per il quale mia figlia a 3 anni ha già visto l'Opera).
Non sto qui a descrivere tutto, fu un'esperienza sbalorditiva e la sua influenza mi accompagnò con delicatezza fino al 1997 quando lessi casualmente sul giornale questo:
L'ultima lezione del professore.http://archiviostorico.corriere.it/1997/febbraio/18/ultima_lezione_del_professore_co_10_9702184033.shtml
I tempi del liceo erano finiti da un pezzo ed io ero già sposata.


A distanza di anni, nel 2008, sono capitata per lavoro a Fabriano.
Sapevo tramite internet che la sua casa era stata trasformata in un museo gestito dalla famiglia stessa e dal Comune.
Seguendo i cartelli informativi sono arrivata a destinazione ma era l'ora di pranzo ed il museo era chiuso.
Ho fatto il diavolo a quattro per rintracciare la famosa Sig.ra Marisa, sorella di Guelfo.
E ci sono riuscita.
Insieme al marito mi hanno aperto le porte della casa: tutto era rimasto intatto, uguale, perfetto.
Loro si ricordavano di me, una delle ragazze di Ripetta che aveva riso tutta la notte facendo un gran baccano.
Nessuno aveva dormito.
Mi hanno regalato un libro, una pubblicazione postuma di Guelfo e ci siamo salutati.
Spesso Guelfo mi torna in mente e la sua espressione simpatica la vedo in mio marito che, curiosamente, gli somiglia.
Man Ray - Ritratto di Guelfo Bianchini.

Jean Noel Schifano, Guelfo e Tonino Guerra.


Nessun commento: